14enne uccisa dal suo cellulare

Una ragazza 14enne è stata uccisa dal suo cellulare, dall’esplosione causata dalla batteria, mentre stava dormendo. Il drammatico incidente, scoperto il giorno dopo, è avvenuto a Kazakistan.

Secondo una ricostruzione: La ragazza era andata a letto e ha messo in carica il suo cellulare. Nel frattempo stava ascoltando musica, prima di cadere nel sonno. Il cellulare è rimasto in carica tutta la notte fino al mattino successivo . A quanto pare, il cellulare sarebbe esploso per una mal progettazione della batteria.

Gli investigatori forensi hanno stabilito che, le cause dell’esplosione, sono state causate dal surriscaldamento della batteria

14enne uccisa dal suo cellulare
Muore nel sonno

Non è stato chiaro, per gli investigatori, scoprire di quale cellulare si fosse trattato, poiché si è frantumato nell’esplosione. Altri casi simili sono avvenuti da quando esistono i cellulari

Un anno e mezzo fa, un uomo è morto in circostanze simili. Mentre stava dormendo, durante la notte, il cellulare che aveva messo in carica è esploso uccidendolo all’istante. L’ incidente mortale è avvenuto in Malaysia.

Il cellulare Samsung Galaxy Note 7 è stato uno dei primi ad essere considerato a rischio di incendio, a causa del design della batteria scadente.

14enne uccisa dal suo cellulare mentre dormiva

Samsung ha perso seri provvedimenti per progettare batterie sempre migliori, che non causino mai più incidenti simili come quello della 14 enne. IL cellulare Galaxy Note 7 si trova ancora nelle case di molte persone, e molti di questi ultimi sono esplose, senza causare morti di nessun genere.

Questo tipo di incidenti non sono state causate “solo” dai cellulari Samsung, ma anche di altre marche conosciute come Apple.

Tuttavia, ecco alcune considerazioni da fare prima di andare a letto: …

  • 1 – È consigliabile tenere il cellulare spento durante la notte
  • 2 – Il cellulare non deve essere lasciato in carica durante la notte
  • 3 – Assicurarsi che la distanza tra il cellulare e il letto non sia troppo vicina

Leggi anche: Un sogno volato via a 13 anni ; La storia di Sarah Jo Stott