Omicidio della Reporter Kim Wall

Danimarca – 10 Agosto 2017 “Refshaleøen”, in Copenhagen: Kim Wall (30 anni), gionalista freelance, decide di incontrare l’ inventore Peter Madsen (46 anni), per realizzare un’ intervista. Omicidio della Reporter Kim Wall…

L’ uomo, grazie ad una raccolta fondi, è riuscito a progettare il sottomarino (UC3 Nautilus). Kim Wall, decise di realizzare un reportage, che racconti l’ esperienza di navigare sott’ acqua.

Intorno alle ore 7.00 pm, Kim e Peter salgono a bordo della Nautilius. Si preparano per l’ immersione, per raggiungere l’ isola di Bronholm. Durata stimata prevista per il viaggio: 2 ore.

Prima dell’ immersione , vengono scattate diverse foto, che ritraggono la reporter Kim Wall e Peter sorridenti.

Questa è l’ ultima foto che ritrae Kim Wall quando era ancora in vita. Poche ore dopo l’ immersione… Si perdono completamente le tracce del sottomarino.

Omicidio della Reporter Kim Wall
Kim Wall e Peter Madsen

Il fidanzato di Kim, e la famiglia, tentano di mettersi in contatto con lei, dal momento che non avevano sue notizie… Senza alcun successo. La famiglia allerta le autorità, poichè hanno intuito che c’ era qualcosa che non andava. Purtroppo, però, nel sottomarino non vi era un localizzatore satellitare, e per le autorità… Ne complicava le ricerche.

Il sottomarino risultava scomparso nel nulla! Omicidio della Reporter Kim Wall

Alle 10:30 am del giorno successivo… Il sottomarino viene avvistato dalla Baia, a Sud-Est di Amager. Trenta minuti dopo… Il sottomarino affonda! Non vi sono tracce di Kim Wall, ma solo di Peter Madsen, che viene salvato da un’ imbarcazione privata.

Peter afferma che Kim è morta a causa di un’ incidente all’ interno del sottomarino. Un portellone di 70 gr. le sarebbe caduto in testa.. Uccidendola!

Queste saranno le ultime affermazioni di Peter Madsen, ma non per le autorità giudiziarie… Le autorità indagano sul caso!

11 giorni dopo (21 Agosto 2017), dal caso Kim Wall, si rileva una svolta agghiacciante…

Le autorità vengono messe all’ occorrrente di un corpo (senza arti nè testa) ritrovato da un ciclista, sulla spiaggia di Klydesoen. Dall’ esame del DNA: Conferma che si tratta della reporter Kim Wall!

Omicidio della Reporter Kim Wall
Kim Wall

Nel busto della donna, vengono rilevati segni di 14 coltellate al seno ed ai genitali. Il 6 Ottobre 2017, i sommozzatori trovano un sacco contenente la testa e gli arti della donna, insieme a pezzi di metallo, che sono stati messi dentro il sacco da Peter, per non farlo riemergere.

Le autorità condannano Peter Madsen all’ ergastolo il 25 Aprile 2018, con l’ accusa di Omicidio, Occultazione di prove e Stupro.


Leggi anche: La storia di Sarah Jo Stott : Un sogno volato via a 13 anni